«I media sottopongono, se stessi e noi, ad una revisione dei meccanismi della memoria. C’è stato un certo rifiuto ad accogliere e a sistematizzare la memoria della comunicazione. Ma col consumarsi della rivoluzione informatica e il passare del tempo, sembra anche nascere la domanda di vedere, o ri-vedere, gli ‘artefatti dismessi’.
dalla rivista LineaGrafica, numero 356, 2005/editoriale di G.Baule “Archivi della memoria e del futuro”


DECOSTRUIRE

DECOSTRUIRE